Enertronica: per la divisione industriale proposto Aucap di 10 mln

12/04/2018

Milano (VedoGreen) – Il CdA di Enertronica, attiva nel settore delle energie rinnovabili, ha approvato di sottoporre alla assemblea, convocata in sede straordinaria il prossimo 27 aprile, la proposta di aumento di capitale per max Euro 10 milioni, di cui 5,0 mln con esclusione del diritto di opzione e 4,99 mln da offrire in opzione agli azionisti e titolari di obbligazioni convertibili “Enertronica POC 2017-2022”.

L’aumento di capitale avrà come obiettivo quello di potenziare la divisione industriale del Gruppo, in particolare di Elettronica Santerno e di la linea di Business relativa alla eMobility.

Il CdA ha individuato un prezzo minimo di 3 Euro per azione sulla base delle potenzialità future della Società, anche a seguito del consolidamento delle proprie attività industriali. Enertronica  ha avviato contatti preliminari con azionisti rilevanti e investitori istituzionali che hanno accolto positivamente l’operazione. La proposta all’assemblea riguarda in particolare la concessione di una delega da attribuire al CdA, da esercitarsi entro tre anni. Al momento dell’esercizio delle deleghe, si valuterà la congruità del prezzo di emissione, considerando la media di 6 mesi dell’andamento del titolo e sarà scelta se superiore a 3 Euro. Enertronica emetterà gratuitamente nuovi warrant a tutti gli azionisti che saranno tali in esecuzione della Delega Aumento in Opzione e della Delega Aumento Riservato nel rapporto di 1 Warrant per ogni azione posseduta; i nuovi warrant emessi avranno una durata di 3 anni, con un prezzo di conversione di  3 euro per la prima finestra, di 3,3 euro per la seconda finestra e di 3,63 per la terza finestra; si prevede inoltre un periodo aggiuntivo di conversione dei  “Warrant Enertronica 2013-2018” ai sensi regolamento di emissione.

Il CdA ha avviato inoltre una fase di revisione del Piano Industriale approvato il 22 marzo 2017, necessaria a seguito della variazione del perimetro del Gruppo. Il nuovo piano sarà approvato entro i primi dieci giorni di maggio 2018.