Eco-mobility

bike-share

Definizione – Il termine ECO-MOBILITY si riferisce a modalità di spostamento (e in generale un sistema di mobilità urbana) in grado di diminuire gli impatti ambientali sociali ed economici generati dai veicoli privati (inquinamento atmosferico e le emissioni di gas serra, congestione stradale…)

 

 

 

ECO-MOBILITY: QUADRO NORMATIVO GENERALE

Direttiva 2009/33/CE relativa alla promozione di veicoli puliti e a basso consumo energetico

Obiettivo della direttiva è di imporre alle amministrazioni aggiudicatrici, agli enti aggiudicatori e agli operatori che garantiscono il servizio pubblico di trasporto passeggeri in virtù di un contratto di servizio pubblico di tener conto, al momento dell’acquisto di veicoli adibiti al trasporto su strada, dell’impatto energetico e ambientale degli stessi nell’arco di tutta la vita (art. 1).

D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 24, attua la direttiva 2009/33/CE, precisando obiettivi, campo di applicazione e criteri e metodi da seguire per valutare l’impatto energetico ed ambientale dei veicoli durante l’intero arco di vita degli stessi.

Comunicazioni della Commissione europea:

  • Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni, intitolata “Verso un piano strategico europeo per le tecnologie energetiche” del 10.1.2007, individua gli obiettivi 20-20-20 per il 2020.
  • Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni, intitolata “Piano d’azione sulla mobilità urbana” dell’8.1.2010, recante il primo programma globale di sostegno per la mobilità urbana.
  • Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale europeo, intitolata “Una strategia europea per i veicoli puliti ed efficienti sul piano energetico” del 28.4.2010, recante linee d’azione intese a favorire lo sviluppo di veicoli ‘verdi’ e il loro assorbimento da parte del mercato.

D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni, in L. 7 agosto 2012, n. 134 (c. Decreto sviluppo)

Provvedimento con finalità ambientali rivolto prevalentemente:

  • a favorire lo sviluppo e la diffusione di infrastrutture per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica
  • a promuovere, mediante la previsione di linee di finanziamento, la ricerca tecnologica per la realizzazione di reti infrastrutturali per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica
  • a favorire l’acquisto, mediante la previsione di incentivi, di veicoli aziendali e per uso pubblico (taxi, car-sharing, noleggio, servizi di linea ecc.) a basse emissioni complessive.

A riguardo si segnala, altresì, il decreto 11 gennaio 2013 del Ministero dello Sviluppo Economico, pubblicato sulla GU n.36 del 12-2-2013, di attuazione della richiamata disciplina.